“Pourquoi ne faites vous pas un livre sur moi?” 70 ans et + des Editions du Griffon

In occasione dei 70 anni dalla fondazione della storica casa editrice svizzera, le Editions du Griffons celebrano l’anniversario con una mostra di dipinti e sculture degli artisti entrati nella celebre collana di monografie. Tra questi anche Somaini, che con la casa editrice fondata da Marcel Joray ha pubblicato la sua monografia del 1960. Esposte: Grande motivo, 1957, bronzo dorato, e Felicità di essere, 1956, bronzo dorato.

 

18 agosto – 9 settembre 2016
orari: martedi-venerdì 14:00-18:30, sabato su appuntamento

Editions du Griffon
19 Faubourg de l’Hopital, Neuchâtel

Visioni Animali. Sculture d’Arte Contemporanea

Nell’esposizione curata da Antonello Rubini, sono presenti due sculure di Francesco Somaini: Fenice, 1964, ferro, e Lotta con il serpente, 1998, bronzo. Tra i molti scultori presenti, Bodini, Pietro Cascella, Cavaliere, Ceroli, Cucchi, Fabbri, Fazzini, Fontana, Gilardi, Mainolfi, Marini, Arturo Martini, Minguzzi, Perez, Trubbiani.

Ancona, Museo Tattile Statale Omero, Mole Vanvitelliana

11 giugno – 4 settembre 2016

Catalogo De Luca Editori

CATALOGO GENERALE – invio schede opere

I lavori per il catalogo ragionato delle opere dello scultore Francesco Somaini (1926-2005) sono in fase di chiusura.

Il primo volume dedicato alla scultura, curato da Enrico Crispolti e Luisa Somaini, sarà pubblicato da Skira.

Si invitano pertanto i collezionisti, che non avessero già provveduto a contattare l’Archivio, a inviare URGENTEMENTE la scheda dell’opera, qui di seguito scaricabile, debitamente compilata (una scheda per ogni opera), e almeno un’immagine pubblicabile (cioé eseguita da un fotografo professionista), insieme a un’immagine del dettaglio della firma.
L’Archivio è reperibile per qualsiasi chiarimento in merito.

Scheda_opera

Scheda_opera_EN

Donazione di disegni al Gabinetto dei Disegni e delle Stampe degli Uffizi

Quattro importanti disegni dello scultore Francesco Somaini sono entrati a far parte della collezione del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe della Galleria degli Uffizi. Si tratta di inchiostri di china su carta del 1965, della serie delle “Metamorfosi”, momento conclusivo della stagione informale, durante il quale l’artista cerca nuove soluzioni espressive per la sua attività plastica e sperimenta nuove tecniche disegnative, come l’ “inchiostro dilavato”.
Dono di Luisa Somaini.