Michelangelo e il Novecento

In occasione del 450esimo anniversario della scomparsa del maestro, la Casa Buonarroti di Firenze organizza una mostra dedicata alla fortuna di Michelangelo e della sua opera nel Novecento, in collaborazione con la Galleria Civica di Modena.
Tra le opere esposte, anche una scultura di Francesco Somaini: Carnificazione di un’architettura: Colosso di New York II, 1976, bronzo.

Casa Buonarroti, Firenze

18 giugno – 20 ottobre 2014

Ritratti di città – Como, Villa Olmo

Due disegni di Somaini del 1971, relativi alla riflessione dell’artista sul rapporto tra scultura e contesto urbano, faranno parte del percorso espositivo della mostra, a cura di Flaminio Gualdoni, La  città nuova. Ritratti di città.

28 giugno – 16 novembre 2014
Villa Olmo
Como

Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris

Nella retrospettiva dedicata all’opera di Lucio Fontana, in cartellone a Parigi nella primavera prossima, viene ricostruita la sua collaborazione con lo scultore Francesco Somaini e l’architetto Ico Parisi a proposito del Concorso per il Monumento alla Resistenza di Cuneo, 1962-63. Nella sezione riservata all’integrazione delle arti, è esposto il modello d’insieme del 1963, II grado, in cui figurano un taglio di Fontana in terracotta e una scultura di Somaini in bronzo con lucidi.

Lucio Fontana – Retrospective
Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris
25 aprile – 24 agosto 2014

crediti fotografici: Studio Casali, Milano

“Werk, bauen+wohnen”, Zurigo – dicembre 2013

In occasione dei 100 anni dell’architetto Luigi Caccia Dominioni, esce un numero monografico della rivista zurighese “Werk, bauen+wohnen” a lui dedicato. Tra i saggi pubblicati anche testi di Letizia Tedeschi e Fulvio Irace che approfondiscono alcuni episodi della collaborazione tra l’architetto e lo scultore Francesco Somaini, a proposito di un appartamento privato milanese (graffito parietale del 1962) e della ristrutturazione del Teatro dei Filodrammatici di Milano (mosaico pavimentale del 1969).

crediti fotografici: Cesare Somaini, Milano

I Somaini del MAGA esposti alla Villa Reale di Monza

Opere di Somaini della collezione del MAGA sono esposte al Serrone della Villa Reale di Monza.
Si tratta di Tracce e impronte di due matrici, 1984, bassorilievo in resina epossidica bianca, cm 133x119x5, con le due matrici in bronzo utilizzate dallo scultore per l’esecuzione del bassorilievo: Matrice erotica, 1984, bronzo, cm 27×37,5×40, Matrice macabra, 1984, bronzo, cm 28×47,5×21,5.
La mostra, intitolata E subito riprende il viaggio… Opere dalla collezione del MA*GA dopo l’incendio, è curata da Emma Zanella e Giulia Formenti.

5 settembre 2013 – 6 gennaio 2014

Serrone della Villa Reale, Monza

Donazione di disegni al Gabinetto dei Disegni e delle Stampe degli Uffizi

Quattro importanti disegni dello scultore Francesco Somaini sono entrati a far parte della collezione del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe della Galleria degli Uffizi. Si tratta di inchiostri di china su carta del 1965, della serie delle “Metamorfosi”, momento conclusivo della stagione informale, durante il quale l’artista cerca nuove soluzioni espressive per la sua attività plastica e sperimenta nuove tecniche disegnative, come l’ “inchiostro dilavato”.
Dono di Luisa Somaini.

Un’opera di Somaini in mostra al Musée national d’art moderne – Centre Pompidou di Parigi

Nauta Obliqua, 1960, bronzo, cm 90x85x60, entrata a far parte delle raccolte del Musée national d’art moderne – Centre Pompidou di Parigi, è oggi stabilmente collocata nella sala 32 della raccolta museale, riservata all’astrattismo gestuale e all’informale accanto a dipinti di Hans Hartung e George Mathieu. L’opera, donata dalla figlia dell’artista in occasione del quinto anniversario della scomparsa dell’artista, è stata esposta alla Deuxième Biennale de Paris del 1961, rassegna dove lo scultore ha ottenuto il Premio della Critica d’Arte Francese.